Vuoi più prenotazioni dirette? Non perderti il Webinar Disintermediando!
HOME WEBINAR! VIDEO CORSO BLOG CONTATTI INIZIA GRATIS Login

Più Prenotazioni dirette? Inizia da qui...

Nel settore dell’hospitality è indubbio che vi sia un rapporto di amore ed odio tra chi gestisce una struttura ricettiva e le OTAs (online travel agencies) come Expedia o Booking.

 

Da un lato le OTAs chiedono commissioni (peraltro anche sostanziose) per il servizio di intermediazione che offrono, dall’altro esse sono in grado di generare un numero cospicuo di prenotazioni a tutto vantaggio del fatturato della struttura.

 

Ed è altrettanto ovvio che tu vorresti ricevere il maggior numero di prenotazioni dal sito web ufficiale: c’è però da considerare che la clausola della parity rate* (ovvero l’obbligo secondo cui le tariffe ufficiali dell’hotel devono essere allineate a quelle presenti sulle OTAs) pone sicuramente dei limiti alle strategie che è possibile adottare per aumentare le prenotazioni dirette.

* La parity rate seppur non è più un obbligo contrattuale, di fatto, resta in essere.

Accade dunque che spesso ci si scoraggia e si affida la sorte della propria struttura in maniera prevalente alle prenotazioni tramite portali.

Vi sono metodi per aumentare le prenotazioni dell’hotel tramite il sito ufficiale?

Ovviamente si, ed in questo blog i post al riguardo sono e saranno sempre più numerosi.

Ecco qualche utile consiglio per generare più prenotazioni dirette:

 

1. IL SITO WEB UFFICIALE E LE SUE CARATTERISTICHE “BASICHE”

Il tuo sito web deve essere pensato per vendere (e per emozionare), deve dunque includere al suo interno specifiche call to action che invitino all’azione ed un sistema di Booking Engine (di semplice utilizzo).

Il sito web ufficiale inoltre deve avere -se non una versione mobile- un’ottima compatibilità nella visualizzazione tramite tablet e dispositivi mobile.

Non basta, all’interno del sito, oltre a descrivere le camere, è necessario anche “parlare” di territorio e di eventi.

Le pagine poi devono essere ottimizzate al meglio per i motori di ricerca. Inserisci anche un recapito telefonico chiaro, presente in ogni pagina e possibilmente posizionato in alto a destra.

 

2. ATTENZIONE ALLE TARIFFE

Anzitutto è buona norma tenere sempre allineate le tariffe del tuo sito web con quelle dei portali (regola della parity rate).

Secondariamente, anche se non è possibile (e corretto) proporre “tariffe più basse” sul sito web ufficiale, puoi pensare di effettuare degli upgrade su una determinata camera.

 

Se ad esempio sulle OTA la camera doppia con vista giardino costa 120 euro, puoi proporre nel tuo booking engine la stessa tariffa ma per una camera doppia con vista mare.

 

Ovviamente viene da se che gli utenti (che vanno sempre a controllare i prezzi sul sito web ufficiale, anche quando prenotano sulle OTAs) preferiranno prenotare direttamente presso l’hotel.

 

3. STUDIA PACCHETTI ED OFFERTE SPECIALI

Nessuno ti vieta di realizzare specifici pacchetti, anzi, la loro ideazione deve essere proprio parte fondante delle tue strategie di pricing.

Prova a studiare ad esempio un “pacchetto o offerta invernale” non disponibile sulle OTAs.

Se in febbraio il prezzo delle tue camere sulle OTA è di euro 100,00 per notte, potresti studiare un pacchetto di 3 notti a 125 euro a notte (dunque 375 euro in totale) ma che includa un ticket di 90 euro da spendere presso il ristorante e due ingressi di un’ora presso la SPA.

Ovviamente, chi ha la possibilità di rimanere tre notti, sceglierà molto probabilmente l’offerta presente sul sito web ufficiale.

Relativamente agli incentivi potresti poi includere, per chi prenota dal sito web ufficiale, il parcheggio gratuito o una colazione più ricca, o ancora il trasferimento gratuito da e per l’aeroporto.

 

4. COMUNICA IN MANIERA REGOLARE CON GLI OSPITI ACQUISITI

Bisogna stabilire una relazione duratura ed informale con gli ospiti già acquisiti, affinché essi ritornino frequentemente presso l’hotel.

Gli ospiti di ritorno devono avere un prezzo migliore di quelli nuovi.

E’ importante ovviamente farglielo sapere, sia durante la fase del loro soggiorno, che al momento del check out e anche ricordarglielo, con una newsletter periodica.

 

5. SII SENSIBILE AGLI EVENTI DELLA TUA DESTINAZIONE TURISTICA

Non si tratta solo di creare dei pacchetti ad hoc ma piuttosto di intercettare uno specifico target, al quale comunicherai che hai a cuore il motivo per il quale sta decidendo di pernottare presso la tua località.

Ti faccio subito un esempio: poniamo il caso la tua struttura sia ubicata nelle vicinanze di uno stadio di calcio. Potresti, in occasione di un importante match, offrire dei pacchetti e delle offerte speciali destinate proprio ai tifosi.


Molto probabilmente il tifoso, oltre a prenotare presso il tuo hotel, consiglierà la struttura anche ad amici e parenti, felice di sapere che hai dedicato (a lui ed alla sua passione) un’offerta speciale!

Disintermediare bene è possibile, basta solo conoscere le giuste strategie!

Non perdere neanche un aggiornamento!

Iscriviti alla Newsletter di Disintermediando per ricevere in esclusiva le migliori strategie disintermediative. Non riceverai mai SPAM.

Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.